Sempre più diffuse le “allergie immaginare”: i provvedimenti dalla Siaaic

allergie-immaginarie

I test allergici sono positivi 9 volte su 10 e gli italiani spendono 300 milioni di euro l’anno per esami di questo tipo. La Società italiana di allergologia, asma e immunologia clinica(Siaaic) sostiene, però, che questi test sono quasi sempre inattendibili e che si sprecano tantissimi soldi l’anno per farsi diagnosticare “allergie immaginarie”.

La Siaaic ha già messo al bando esami come il test del capello a quello della forza muscolare, ha divulgato le linee guida per interpretare i test diagnostici e ha concepito un vademecum per aiutare i cittadini a riconoscere le intolleranze.

Il presidente della Società, Walter Canonica, ha spiegato l’errore di fondo che c’è nella diagnosi di tali disturbi: “Purtroppo le intolleranze alimentari, confuse per di più dalla maggioranza con le allergie vere e proprie, sono ormai una moda con cui si spiegano i sintomi più disparati: chi non riesce a dimagrire spesso si convince che sia per colpa di un’intolleranza, mentre nessuna di quelle reali può far ingrassare”.

About Redazione 936 Articles
Contenuti pubblicati dalla redazione di Piazza Armerina, scritti a quattro mani da più content writer, sempre aggiornati con le ultime news dal web.