Quotazione Oro 9 Febbraio 2017: prezzo in salita al Comex, da inizio anno circa +7%

Quotazione Oro prezzo in salita al Comex

Continua la sua ascesa al Comex la quotazione dell’oro, che ha registrato solamente dall’inizio dell’anno un incremento del 7%: il metallo giallo ha beneficiato nuovamente della sua nota qualità di “bene di rifugio”, visto e considerato il periodo difficile determinato sia dalla politica protezionistica di Trump e dalle incertezze politiche recentemente introdotte dalla candidata del Front National Marine Le Pen.

Ma andiamo ad analizzare più nel dettaglio la situazione relativa al valore dell’oro nelle righe che seguono.

Prezzo dell’oro in continua crescita: il “bene di rifugio” guadagna terreno anche nel 2017

Il future riguardante l’oro con scadenza ad Aprile ha guadagnato nella giornata di oggi al Comex un valore pari allo 0,9%, che ha portato il costo del metallo prezioso a raggiungere quota 1.232,10 dollari l’oncia.
Il valore in questione rappresenta niente meno che il più alto livello dallo scorso 10 Gennaio, arrivando così a toccare quota +7% dall’inizio del 2017.

Questa quotazione in crescita è data principalmente dal fatto che l’oro è considerato un “bene di rifugio” in un periodo in cui l’intero globo è attaccato da più fronti per quanto riguarda il settore finanziario: dagli scontri tra il sistema giudiziario americano con il presidente Trump alle dichiarazioni della candidata francese di estrema destra Marine Le Pen, che ha confermato la sua intenzione di portare la Francia fuori dall’UE in caso di vittoria alle elezioni presidenziali.

Un altro fattore che sostiene particolarmente il costo dell’oro è rappresentato dalla crescente aspettativa che la Fed non incrementerà i tassi nel breve termine in seguito ai dati emersi relativi al basso livello che ha registrato l’aumento del salario orario medio negli USA, dato che ha aumentato di parecchio i rischi di inflazione.