Trading CFD e opzioni binarie online: ecco i consigli della Consob per i risparmiatori

trading online

Oggigiorno sempre più nuovi risparmiatori entrano nel mercato del trading CFD e opzioni binarie, che sono a detta degli esperti quelli che offrono i maggiori guadagni. Purtroppo però non tutti riescono a guadagnarci, anzi alcuni perdono grosse cifr, per questo motivo la Consob, autorità di controllo dei mercati finanziari in Italia, ha deciso di scendere in capo dando consigli in materia di trading su CFD, opzioni binarie e rolling spot forex.

La Consob vuole infatti mettere in guardia i risparmiatori dalle promesse di facili guadagni, in modo che questi possano approcciarsi al mondo del trading online consci dei rischi che si potrebbero incorrere.

Per la Consob le opzioni binarie e i CFD non sono adatti a tutti

Oltre allo spiegare ai futuri investitori cosa sono e come funzionano i CFD, le opzioni binarie, e il rolling spot forex, la Consob spiega anche che questi tipi di investimenti rischiosi non sono adatti a tutti, perché non tutti conoscono bene il mercato finanziario e sono in grado di creare le giuste strategie.

Per questa ragione la Consob si è sentita in dovere di avvertire quelli che per gioco o per inesperienza rischiano di perdere tutto il capitale investito, facendo in modo almeno che nessuno si avvicini al mondo del trading in maniera incauta e irresponsabile, cosa che potrebbe rivelarsi veramente molto dannosa. L’ente di vigilanza è arrivato persino a dire che le forme di trading sopra descritte sono le meno indicate per i trader principianti, in quanto sono le più complessa da capire e quelle che offrono il mercato più instabile.

La Consob richiama l’attenzione degli italiani anche verso determinati broker, ovvero le piattaforme online sulle quali operare in borsa, che attuano una politica troppo aggressiva e arrivano addirittura a chiamare a casa i possibili investitori convincendoli a investire sempre più denaro in azioni o sistemi sicuri che poi si rivelano per quello che in realtà sono, ovvero sistemi tutt’altro che sicuri e che rischiano di far perdere ai malcapitati tutti i propri risparmi.

Fare attenzione ai broker non autorizzati

Alcuni broker, secondo quanto dichiarato dall’ente di vigilanza,  non sono neanche autorizzati a operare in Italia, e vi operano solo perché appoggiati a banche fittizie o online che sono anch’esse tutt’altro che affidabili. Attenzione a questi escamotage in quanto queste piattaforme guadagnano in percentuale sui soldi investiti dai malcapitati, arricchendosi proprio in caso di perdita del capitale. Per convincere i più ingenui offrono dei bonus elevatissimi, che tanto poi l’utente perderà, e convincono il risparmiatore a effettuare degli investimenti assurdi accecandolo con l’idea dei facili guadagni, cosa che, chiariamo subito, non esistono in borsa.

Ricapitolando la Consob mette in guardia sui seguenti punti:

  1. non tutti sono in grado di operare su CFD, rolling spot forex e opzioni binarie
  2. il rischio negli investimenti c’è sempre
  3. è consigliato consultare la lista di intermediari autorizzati

In questi tre punti è riassunta la strategia Consob volta a non rischiare di far perdere tutto il capitale investito agli italiani, che spinti dalla crisi economica decidono spesso di investire senza troppo pensarci, rischiando di perdere tutto e peggiorare ulteriormente la propria condizione.