Tasse ed Università, al via con la Legge di Bilancio 2017 le nuove norme: in arrivo esenzioni e sconti

La nuova legge di Bilancio che incorpora anche la Legge di Stabilità, introduce alcune importanti norme in materia di tasse universitarie, che entreranno in vigore a partire dal primo gennaio del 2017.

Si tratta di esenzioni e sconti per alcune fasce di reddito, soprattutto sotto i 30.000€ annui, che tentano di contrastare la costante emorragia di iscritti alle facoltà italiane.

In particolare gli studenti di famiglie con ISEE inferiore ai 13.000€ annui, potranno beneficiare della nuova No Tax Area, godendo dell’esenzione dal pagamento delle tasse universitarie per i corsi di laurea e quelli di laurea magistrale, fino al primo anno fuori corso.

Dal secondo anno fuori corso si pagherà una tariffa forfettaria di circa 200€ annui. Invece per iscriversi al secondo anno di corso mantenendo l’esenzione, bisognerà dimostrare di aver maturato almeno 10 crediti formativi entro il 10 di agosto, che diventeranno 25 per l’iscrizione al terzo.

Invece gli studenti di famiglie con reddito ISEE tra i 13.000 ed i 30.000€ annui, potranno beneficiare di condizioni agevolate e sconti, purché rispettino i requisiti dei crediti formativi validi per gli studenti della No Tax Area e non siano fuori corso da più di un anno.

In caso di studenti fuori corso da più di un anno, le tasse universitarie verranno aumentate del 50% con un minimo di 200€.

In totale le tasse universitarie per questi studenti non potranno superare il 7% della parte superiore i 13.000€ di reddito ISEE.

Università, ecco le borse di studio

Le nuove norme saranno valide per tutti gli atenei italiani statali e le Università Afam, che dovranno approvare modiche ai regolamenti interni entro e non oltre il 31 marzo del 2017, mentre i requisiti ISEE saranno aggiornati ogni 3 anni.

Fuori dalla convenzione saranno le università private, quelle online, l’Università di Trento e quelle ad ordinamento speciale.

Saranno inoltre introdotte 400 nuove borse di studio da 15.000€ ciascuna attraverso un bando nazionale, destinate agli studenti dell’ultimo anno delle superiori, con un ISEE familiare inferiore ai 20.000€ annui e con una media di almeno 8/10, riguardo tutti voti nelle materie per il terzo, quarto e per gli esami di metà del quinto anno.