Soia: fa ingrassare? Calorie, benefici e controindicazioni

La soia, arrivata sulle tavole italiane negli ultimi 10 anni, sta diventando un cibo prelibato e molto richiesto.

Cosa si conosce di questa pianta? Si tratta di una verdura che è ricchissima di valori nutrizionali e si consiglia anche per abbassare il colesterolo o per tonificare il cuore.

Si pensa sempre che un alimento, per essere grasso, si devono valutare quali sono le sue calorie, ma in realtà le calorie non fanno ingrassare. Per sapere se un cibo è dannoso per la silhouette, si devono valutare i grassi che contiene.

Una dimostrazione di questo è data proprio dalle calorie della soia. Per ogni 100 grammi di prodotto, troviamo circa 450 calorie. Tuttavia è priva di grassi e contiene molte proteine utili per il metabolismo.

Mangiare la soia fa bene per tanti motivi, quindi è bene cercare di assumere questo prodotto anche 4 volte a settimana. Ci sono poi molte ricette simpatiche e sfiziose che allietano i nostri pasti.

Pianta di soia, benefici e proprietà

La pianta di soia è un legume ad alta digeribilità che permette di avere molti valori nutritivi al suo interno.

Troviamo una grande presenza di minerali come il potassio, fosforo, magnesio e calcio, ma ci sono anche altrettante vitamine. La Vitamina A, C e B, sono quelle indispensabili per la cura delle ossa e la rigenerazione cellulare. Quindi la pianta di soia è da considerare anche un elisir di giovinezza.

Qualitativamente parlando possiede ben 8 aminoacidi essenziali che vengono assorbite dall’organismo poiché sono sintetizzate.

Grazie a questi valori nutrizionali sono molti i benefici che offre. Aiuta a ridurre il colesterolo in modo rapido e senza malesseri.

Chiunque ha problemi al cuore, soffre di tachicardia oppure ha problemi ventricolari, ha un sostegno energetico da parte della soia.

I benefici per tutti sono quelli di ridurre l’affaticamento, in caso di fratture aiuta la calcificazione, ridurre il colesterolo, stimola la produzione delle piastrine nel sangue e tonifica il cuore.

Connessione tra: soia e tiroide

Sottolineiamo uno dei benefici principali offerti dalla soia, che è quello di aiutare la tiroide.

Uno degli aminoacidi presenti, gli isoflavoni, riducono gli ormoni che sono stati prodotti, in esubero, dalla tiroide ingrossata. Vanno ad equilibrare anche le ghiandole interne poiché le disintossica.

Le persone che soffrono di tiroide ingrossata oppure hanno casi simili in famiglia, devono cercare di non sviluppare delle funzioni anomale. Per questo si deve assumere una buona quantità di soia per la tiroide.

Non abusare nel mangiare questo alimento

Come tutti gli alimenti, anche la soia ha delle controindicazioni quindi non se ne deve abusare.

Per le donne in gravidanza, tra gli effetti collaterali troviamo una forte riduzione dello sviluppo delle ghiandole mammarie. In allattamento, il suo uso eccessivo, provoca una minore produzione di latte materno.

Porta ad avere una maggiore presenza di cellule tumorali nel seno, ha interferenze con altri farmaci e riduce l’assorbimento dei minerali nell’organismo.