Sicilia, terremoto in Regione: Crocetta alla gogna, Malafarina si dimette

Sicilia, terremoto in Regione Crocetta alla gogna, Malafarina si dimette
Sicilia, terremoto in Regione Crocetta alla gogna, Malafarina si dimette

Il Presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta è stato messo alla gogna dai politici siciliani mentre Antonio Malafarina ha annunciato le sue dimissioni.

La telefonata del suo medico Matteo Tutino, sta costando cara a Crocetta e ora tutti i politici siciliani chiedono la sua Testa.

“Borsellino va fatta fuori come il padre”, pare abbia detto Tutino. Paole esecrabili che per Malafarina sono “ignobili spregevoli”.

Il deputato regionale anncunciando le sue dimissioni, infatti, ha scritto: “Quanto emerso oggi da notizie di stampa sulle intercettazioni telefoniche tra Il presidente della Regione Crocetta e il medico Tutino non può passare sotto silenzio per le ignobili e spregevoli espressioni che offendono la memoria di Paolo Borsellino, la dignità di sua figlia e quella di tutti i siciliani che hanno creduto in una vera rivoluzione e nella lotta alla mafia”.

“Mi auguro – ha continuato Malafarina – che gli approfondimenti necessari per verificare la fondatezza delle notizie di stampa possano ridimensionare le responsabilità di Crocetta. Ma intanto la situazione rende impossibile la mia permanenza nel Megafono e ritengo anche nella carica di deputato regionale perché ho chiesto e dato fiducia a Crocetta, ho fallito nella mia scelta e non posso cavarmela con scusate ho sbagliato. Ho già preannunciato al Presidente dell’Assemblea regionale la mia scelta di dimettermi da deputato”.

Sia Pd, sia Forza Italia nel frattempo hanno chiamato a raccolta i loro deputati reginali per decidere sul da farsi. E c’è anche chi, come il deputato Vincenzo Vinciullo di Ncd, inizia a gridare al complotto.

About Redazione 936 Articles

Contenuti pubblicati dalla redazione di Piazza Armerina, scritti a quattro mani da più content writer, sempre aggiornati con le ultime news dal web.