Rialzo Azioni Monte Paschi Siena Dicembre 2016: previsioni quotazione, come investire?

MEF

Monte Paschi di Siena si conferma come un titolo azionario che non smette di sorprendere: dopo l’eccesso di ribasso dei giorni scorsi, il titolo sembrava aver riacquistato parte del suo antico splendore, nonostante i risultati del prossimo Referendum Costituzionale del 4 dicembre continuino a preoccupare non poco gli azionisti.

Da pochissimo si è infatti tenuta l’assemblea del Monte dei Paschi, volta per lo più all’aumento del capitale che dovrebbe essere reinvestito per acquistare strumenti finanziari , emettendo azioni ordinarie senza alcun valore nominale. Nel caso in cui gli sforzi Mps non dovessero bastare, è già pronto un piano di riserva: si tratta di un fondo del Qatar chiamato Qia, che potrebbe immettere nelle casse della banca circa un milione di euro.

Altra boccata d’aria per Mps arriva da Generali, storica assicurazione e banca, divenuta uno dei principali azionisti di Mps tramite la conversione di 400 milioni di euro di bond. A fianco di Mps , oltre a Generali, anche Axa ,con una partecipazione di poco superiore al 3%.

Le quotazioni in tempo reale

Ieri Monte dei Paschi di Siena chiudeva la sua giornata in modo più che discreto, con un rialzo pari al 5,68%, con un valore di circa 21 euro ad azione. Oggi l’andamento si conferma meno positivo, con un ribasso. Il titolo apriva questa mattina a 21,16, per poi registrare un massimo pari a 21,60 ed assestarsi nel momento in cui di scrive a 20,84. Fare previsioni appare piuttosto difficile, anche vista l’incognita referendum.

Mps: come investire

Se vogliamo orientare la nostra scelta di investimento sulle obbligazioni, un metodo molto diffuso e che permette di guadagnare è il trading online: sarà necessario registrarsi su una piattaforma di trading,avendo cura di scegliere un broker affidabile e iniziando con piccoli investimenti e l’uso di un demo, per imparare al meglio il funzionamento. Altra soluzione potrebbe essere quella di rivolgersi ad un istituto bancario, utilizzando fondi di gestione.

Per quanto i riguarda i possessori di bond, non a tutti potrebbe convenire convertirli in azioni per finanziare l’aumento di capitale dell’istituto, in particolar modo ai piccoli risparmiatori. La conversione è consigliata, in particolar modo dalle associazioni per i consumatori, a tutti coloro in grado di sostenere le oscillazioni e i rischi propri del titolo in questo momento, e che possano usufruire di una certa esperienza speculativa.