Quotazione Petrolio: le previsioni del prezzo del brent per Gennaio 2017

Cosa dobbiamo aspettarci dal petrolio in questo avvio di 2017? Quali previsioni sono previste per le quotazioni del brent nel corso di questo primo mese dell’anno nuovo? In prima analisi vediamo come è stato chiuso il vecchio anno. La quotazione del brent è ferma a 56,75 dollari al barile e il 2016 è stato caratterizzato da un rialzo estremamente importante.

>>> CLICCA QUI E FAI TRADING ONLINE CON LA PIATTAFORMA NUMERO 1 <<<

Come si evolveranno le cose non ci è dato saperlo, quello che possiamo fare è provare ad analizzare la situazione attuale, il contesto economico in cui ci troviamo ad operare, e provare a buttare giù delle previsioni che dovranno trovare conferma nei fatti.

Quotazione petrolio oggi: si riparte dai 56 dollari al barile

Partiamo dai dati di fatto. Oggi ripartono le contrattazioni per il brent che riparte da poco meno di 57 dollari al barile. Al momento ci troviamo ad operare in un mercato ancora molto contratto, dove anche i paesi ad altissima crescita, di fatto, consumano molto meno petrolio rispetto a quanto non se ne consumasse in passato.

Questo non vuol dire che sia un male. Al momento sono diversi i paesi che hanno preso la decisione di ridurre la produzione di greggio per adeguarsi alla minore domanda mondiale, ma altri grandi paesi produttori, come i paesi della penisola arabica e l’iran, non ne vogliono sapere.

Quotazione petrolio: previsioni di prezzo per il 2017

Come abbiamo detto, il consumo mondiale di petrolio è in calo. Ma, come sempre, ci sono delle grandissime incognite all’orizzonte. Abbiamo sentito tutti le parole di Trump, il nuovo presidente degli USA, che ha detto di voler rilanciare l’economia americana con massicci investimenti nella spesa pubblica. Inoltre un allentamento delle tensioni con la Russia potrebbe dare nuovi stimoli all’economia. Insomma, non è escluso che, nel corso degli anni, la richiesta di greggio possa tornare a crescere.

Un altro aspetto da tenere in forte considerazione è la produzione del petrolio. I paesi produttori sapranno tenere a freno la propria voglia di guadagno o continueranno ad estrarre petrolio a tutto spiano? Non dimentichiamoci, alla fine, che la vecchia legge di mercato secondo cui maggiore è l’offerta, minore è il prezzo, vince sempre.