Prestiti Personali Findomestic, offerte prestiti online 14 novembre 2016: news tassi per dipendenti e pensionati

Prestiti Findomestic Novembre

Nel contesto economico attuale è sempre più difficile ottenere la liquidità monetaria necessaria a realizzare i propri progetti. I prestiti personali offerte dalle finanziare hanno spesso tassi di interesse proibitivi, ma ancora più difficile è rispettare i requisiti richiesti per avere l’ok al finanziamento, ragione per cui sempre più italiani optano per metodi illegali, finendo nelle mani di persone senza scrupoli.

Vediamo cosa propone però Findomestic, finanziaria nota per offrire prestiti veloci e con tassi Tan e Taeg competitivi, per varie categorie di clienti, dai pensionati ai dipendenti pubblici e privati.

Qualche esempio di finanziamento Findomestic

Uno dei primi risultati che Google fornisce è una pagina internet in cui Findomestic mostra la sua ultima offerta, valida dal 14 al 21 novembre, che prevede finanziamenti al 100% online. Il contratto verrà infatti concluso tramite firma digitale, senza alcun bisogno di recarsi in filiale. Tra le opzioni previste, la possibilità di cambiare l’importo della propria rata mensile in ogni momento e quella di calcolare un preventivo, pianificando nei dettagli la propria rateizzazione.

Facciamo un esempio: chiedendo un prestito di 14.000 euro, Findomestic fissa i tassi Tan e Taeg rispettivamente a 6,29% e 6,48%, prevedendo per il rimborso 96 rate mensili da 186 euro , con un totale dovuto alla fine di 17,856 euro.

Findomestic offre soluzioni personalizzate in particolare per pensionati e lavoratori dipendenti: per i pensionati, ad esempio , consente un finanziamento rimborsabile tramite cessione del quinto, ovvero addebito diretto di un quinto del totale percepito come pensione, ogni mese. I finanziamenti Findomestic per pensionati non prevedono spese di apertura, imposta da bollo o costi di mediazione e intermediazione bancaria. I tassi appaiono particolarmente vantaggiosi, vediamo nel dettaglio una simulazione di prestito.

Richiedendo una somma pari a 15.000 euro, per il pensionato il totale dovuto sarà di 20,400 euro, con Tan fisso del 6,46% e Taeg del 6,65%. Il rimborso, che avverrà come già detto tramite addebito, sarà spalmato in 120 rate da 170 euro. Inoltre, i pensionati Inps e Inpdap avranno diritto ad ulteriori agevolazioni, tra cui un iter semplificato e più rapido.

Anche i lavoratori dipendenti, sia pubblici che privati, potranno beneficiare della pratica della cessione del quinto per richiedere un finanziamento, a patto di avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Richiedendo un prestito di 16.000, l’addebito mensile sarà pari 181 euro per 120 mesi, con Tan del 6,42% e Taeg del 6,61%.

I titolari di busta paga del Ministero dell’Economia e delle Finanze, oltre alla cessione del quinto potranno usufruire della delega.