Prestiti con Cessione del Quinto Marzo 2017: le migliori offerte di BNL e Compass per dipendenti e pensionati

Prestiti con Cessione del Quinto BNL e Compass

Il prestito personale con Cessione del Quinto consiste in un tipo di finanziamento sostenibile e conveniente che consente sia ai dipendenti che ai pensionati, grazie a particolari convenzioni con l’ente di erogazione dell’emolumento, di rimborsare il prestito richiesto tramite somme che non possono superare il 20% della pensione o dello stipendio.

CLICCA QUI E CALCOLA GRATIS IL MIGLIOR PRESTITO <<<

Tra gli istituti creditizi più competenti per quanto riguarda questa formula finanziaria vi sono sicuramente le società finanziarie BNL e Compass, che offrono prestiti con Cessione del Quinto a condizioni vantaggiose di cui parleremo nelle righe che seguono.

Migliori prestiti con Cessione del Quinto BNL e Compass: tassi agevolati per dipendenti e pensionati

Partiamo subito con la finanziaria BNL, che per il mese di Marzo 2017 permette ai pensionati e ai dipendenti sia pubblici che privati di avere a disposizione tassi fissi e rate di importo costante per l’intera durata del rimborso. Il prestito, comodo e flessibile, permette di detrarre una quota massima pari a un quinto dello stipendio per durate che vanno dai 24 ai 120 mesi, presentando unicamente il documento d’identità, il codice fiscale, le ultime due buste paga o l’estratto contributivo INPS.

L’offerta di BNL per quanto riguarda i prestiti con Cessione del Quinto consente di finanziare importi fino a 104.000 euro con rate minime di 50 euro e indennizzo pari all’1% del capitale residuo in caso di rimborso anticipato.
La finanziaria inoltre non richiede alcuna commissione se il debito residuo è pari o inferiore a 10.000 euro.

Per quanto riguarda l’istituto creditizio Compass invece, questa tipologia di prestito viene erogata a pensionati e dipendenti pubblici e privati senza l’obbligo di presentare alcun garante. In questo caso il lasso di tempo massimo riguardante il rimborso del finanziamento è di 10 anni e la società offre tassi agevolati a seconda della categoria di clientela.
Per i pensionati, ad esempio, sono riservati tassi particolari derivati dalla convenzione con INPS, ex INPDAP ed ex ENPALS, mentre per i dipendenti pubblici sarà possibile richiedere somme anche superiori a 75.000 euro rimborsabili con rate fisse e costanti gestite direttamente dal datore di lavoro tramite addebito in busta paga.