Orsero debutta in Borsa: news e quotazione

Orsero in Borsa

Orsero, nota azienda ortofrutticola, debutta in borsa.Dopo molto tempo torna al centro dell’attenzione della Borsa italiana il settore alimentare: lo fa grazie ad Orsero, che ha deciso di debuttare a Piazza Affari; si può parlare però di una “nuova Orsero“, in quanto essa nasce dalla fusione tra Gnenalta Food, GF Group e Spac, sigla che sta a significare “special purpose acquisition company“.

L’azienda, che è una maggiori distributrici di frutta della penisola ha base in Liguria e si concentra in particolar modo sulla produzione di banane, che rappresentano il 40% del fatturato totale. Le cose per la Orsero non sono sempre andate bene: l’azienda ha infatti affrontato un periodo di profonda crisi finanziaria, dalla quale è uscita grazie alla fondamentale ristrutturazione dei debiti ed un cambiamento delle attività; non da ultimo l’ingresso in Piazza Affari aiuta decisamente la ripresa.

Il 60% delle azioni Orsero sarà detenuto da Glenalta, mentre la famiglia fondatrice avrà il 41% circa delle azioni. Tali azioni , detenute grazie ad una holding, non permetteranno dunque di avere la maggioranza dei voti nel consiglio di amministrazione , che saranno invece destinati proprio ai soci Glenalta; non si sa quanti siano i soci, ma si presume  circa un centinaio, divisi tra investitori del settore pubblico e importanti famiglie italiane inserite nel settore alimentare: qualche esempio? La più che famosa Lavazza, numero uno del caffè.

Per quanto riguarda il consiglio di amministrazione della società, al vertice ci saranno Paolo Prudenziati , che sarà amministratore delegato e presidente della nuova Orsero, dopo aver militato per lungo tempo in Chiquita. La carica di vicepresidente sarà ricoperta da una delle donne della famiglia Orsero, nel dettaglio Raffaella Orsero, che avrà il compito di rappresentare i fondatori.

Come andrà Orsero in Borsa? Difficile a dirsi, ma i dati riferiscono che nel 2015 il fatturato della società si aggirava intorno ai 616 milioni di euro,con un utile netto pari a circa sei milioni di euro. Per quanto riguarda la quotazione, nel momento in cui si scrive il valore si assesta a 10,8 euro per azione, dopo l’apertura di questa mattina a 10,74 , con un massimo di 10,95 ed un minimo che ha sfiorato il 10,62. La variazione in positivo si aggira intorno allo 0.55.