Nasdaq: quanto durerà il boom di inizio 2017?

News Nasdaq

Nella giornata di ieri il Nasdaq ha raggiunto un nuovo record.

Ad attirare l‘attenzione in particolare il Nasdaq 100, che altro non è che l’indice riguardante le principali tecnologie degli Stati Uniti d’America. Esso ha in sé i titoli azionari di circa cento tra le più grandi aziende che non fanno parte del mondo finanziario; il valore dell’azienda, attribuito dall’indice, dipende essenzialmente dalla capitalizzazione. Caratteristica assolutamente particolare è il fatto che nel Nasdaq 100 non sia presente alcuna società finanziaria.

L’indice appare particolarmente rilevante per il mercato azionario in questo momento, dato che sembra ottenere molti più risultati positivi rispetto all’SP 500. Il Nasdaq 100 ha chiuso l’anno appena passato con un rialzo del 5,9% e anche nel 2017 non sembra arrestarsi: nelle primissime settimane del 2017 ha registrato continui rialzi, con un progresso pari al 6%, che si contrappone al 2,5 % dell’indice SP 500.

Appare dunque palese che ci si trovi nel pieno di una fase rialzista, che potrebbe continuare senza problemi non essendo stati per ora individuati dagli esperti segnali negativi; anche dal punto di vista dei prezzi la situazione migliora, dal momento che essi sono attualmente collocati in alto, almeno nel medio periodo. Ciò che potrebbe portare ad una variazione da questo punto di vista sarebbero eventuali resistenze, rese possibile da circa due settimane di stabilizzazione o lateralità.

Nella settimana appena trascorsa i minimi si sono assestati intorno ai 5000 punti: per gli acquisti si consiglia di aggirarsi nella zona dei 4870 punti. Per capire quale sarà il futuro del Nasdaq è essenziale capire quali sono i motivi che hanno portato a questo grande rialzo di inizio anno: nonostante le ultime notizie riguardo il Pil statunitense non siano propriamente incoraggianti, l’indice continua a salire e probabilmente ciò è dovuto ad una certa fiducia dai parte degli investitori.

Essi stanno infatti cercando di concentrarsi su quelli che sono i punti di forza dell’economia degli Stati Uniti d’America e , direttamente o indirettamente, sulla politica del neo-presidente repubblicano Donald Trump, che promette di rendere di nuovo grande l’America. Nella giornata di oggi il Nasdaq ha avuto una piccola battuta d’arresto: nel momento in cui si scrive infatti esso appare in calo di circa lo 0,75%.