Legge intercettazioni, l’emendamento Pd salva-giornalisti

Legge intercettazioni, l'emendamento Pd salva-giornalisti
Legge intercettazioni, l'emendamento Pd salva-giornalisti

Il Pd ha presentato un emendamento alla legge sulle intercettazioni che salva i giornalisti dal carcere.

No al carcere per i giornalisti, dunque, con l’aggiunta di poche parole alla legge sulle intercettazioni.

La firma dell’emendamento presentato dal Pd è di Walter Verini e David Ermini.

L’emendamento, semplicemente scandaloso, prevede che “costituisce delitto, punibile con la reclusione non superiore a 4 anni, la diffusione al solo fine di recare danno alla reputazione o all’immagine altrui, di riprese audiovisive o registrazioni di conversazioni, anche telefoniche, svolte in sua presenza ed effettuate fraudolentemente”.

La punibilità è esclusa quando “le registrazioni o le riprese sono utilizzabili nell’ambito di un procedimento amministrativo o giudiziario o per l’esercizio di un diritto di cronaca”.

Vale a dire che in questo modo il giornalista in galera non ci andrà mai, anche quando effettua o carpisce fraudolentemente conversazioni o filmati che possono distruggere una persona, quantunque non abbiano nessun rilievo penale. Basta che si affermi che è “diritto di cronaca”.

Senza considerare che la dizione “al solo fine di arrecare danno all’immagine e alla reputazione altrui”, è davvero fantastica.

Vuol dire che se la diffusione di notizie si fa “anche” al fine di arrecare danno, non è più reato. Bella prova di inciucio con giornalisti e magistrati, cari (dis)onorevoli deputati Pd.

About Redazione 936 Articles

Contenuti pubblicati dalla redazione di Piazza Armerina, scritti a quattro mani da più content writer, sempre aggiornati con le ultime news dal web.