Lavoro: per i giovani tra i 15 e i 34 anni trovare lavoro è un’impresa

Contratti di lavoro, 61mila nuove assunzioni a giugno

Ancora brutte notizie quelle che riguardano il mondo del lavoro in Italia. Secondo l’Istat, infatti, i giovani tra i 15 e i 34 anni di età la situazione continua ad essere estremamente difficile.

I dati che si riferiscono al terzo trimestre del 2016, infatti, parlano chiaro: -1,1%. La percentuale, se vogliamo, non è nemmeno così preoccupante se non fosse che i dati di partenza era già di per se pessimi. Non bisogna dimenticare che il tasso di disoccupazione giovanile è del 40% circa.

Lavoro: ecco i settori in crescita

Anche se può sembrare strano, viviamo in un contesto economico dalle forti contraddizioni. Da un lato abbiamo le aziende dei settori “classici” che continuano a licenziare, dall’altra abbiamo molte aziende che non riescono a trovare lavoratori qualificati.

Tra i settori con la maggior richiesta di lavoratori spiccano quelli relativi all’ambito della robotica e dell’automazione. Questo settore sarà quello a più forte traino nei prossimi anni. Molto interessante anche il settore della formazione online. Da segnalare anche la grande richiesta di artigiani: oggi saper fare un lavoro artigianale può essere l’arma vincente per garantirsi un reddito costante.

Cosa fare per trovare lavoro

Anche il modo di trovare lavoro è cambiato. Oggi accade sempre più spesso che siano le aziende ad andare alla ricerca di persone specifiche, esperti di un determinato settore, da inserire nel proprio organico. Pertanto inviare il proprio curriculum e sperare di trovare un impiego non è sempre la cosa migliore da fare.

Un’alternativa è quella di creare valore attraverso il web dimostrando le proprie competenze e facendo parlare di se. In questo modo saranno le aziende ad interessarsi e a contattare il professionista commissionando il lavoro. Quello che appare certo è che siamo di fronte ad un periodo di forte transizione. Chi riuscirà a cavalcarlo potrà avere un vantaggio competitivo tutt’altro che indifferente.