Grillo, voti della Camorra di Quarto non determinanti per il Movimento

Grillo, voti della Camorra di Quarto non determinanti per il Movimento
Grillo, voti della Camorra di Quarto non determinanti per il Movimento

Ritorna a far discutere il caso dei voti infangati di Quarto, comune in provincia di Napoli e mentre il commissario Emanuele Fiano avanza la proposta di Commissariato per il comune partenopeo, Grillo attacca dal sito online del Movimento Cinque Stelle: “I voti di Quarto non sono sicuramente stati decisivi!”.

A dare man forte al Movimento è una delle punte di diamante del nuovo gruppo, Di Battista il quale è intervenuto su Facebook dichiarando: “Proprio oggi, mentre il Pd fa partire l’ennesima macchina del fango contro il M5s, viene condannato Ozzimo (ex-assessore Pd a roma) per Mafia capitale”. Roberta Lombardi invece alza le accuse contro il segretario del PD Matteo Orfini: “Orfini si sciacqui la bocca quando parla del M5S. Piuttosto si coccoli Ozzimo. Pd partito di condannati e reo confessi”.

Dall’altro lato, la senatrice del PD Rosaria Capacchione accusa il sindaco di Quarto anch egli delegato del Movimento 5 Stelle, il quale viene accusato di aver taciuto difronte alle intimidazioni della Camorra senza invece aver denunciato la triste situazione. Basterà tutto ciò a far impensierire il leader del Movimento Beppe Grillo?