Grexit 2017: cosa cambia in Borsa, previsioni investimenti e possibili conseguenze sull’economia europea

grexit 2017

Ormai è la notizie degli ultimi giorni, ovvero l’eventuale Grexit 2017, cosa succede infatti se anche la Grecia lascia l’Unione Europea imitando il Regno Unito? E quali sarebbero gli effetti sulla borsa, sul forex e sull’Italia. A queste domande cercheremo di rispondere in questa breve guida.

Se tra il Governo greco e l’Unione Europea non si troverà un accordo l’unico possibile sviluppo sembrerebbe essere rappresentato dall’abbandono dell’euro e la reintroduzione della vecchia e amatissima dracma. Questa misura estrema metterebbe fine al periodo di austerità imposto dall’Unione e odiatissimo, come è normale, dalla popolazione greca che ne ha solo subito le conseguenze senza raccogliere alcun beneficio? I cittadini greci non possono che infatti chiedersi, dov’è l’Europa? Si fa viva solo quando deve prendere soldi?

Cosa accade se la Grecia abbandona l’Euro

Con l’uscita dall’Euro e di conseguenza da quello che ormai non a torto si può chiamare il diktat europeo, la Grecia potrebbe assumere nuovi lavoratori, diminuire la disoccupazione e avviarsi veramente verso una crescita economica che con le condizioni imposte da Bruxelles non ci sarà mai.

Da un punto di vista economico il turismo greco potrebbe poi crescere vertiginosamente visti i bassi costi che potrebbe offrire, togliendo non poche prenotazioni agli altri paradisi marittimi del Mediterraneo, e specialmente all’Italia che a quel punto non potrebbe offrire gli stessi prezzi della Grecia. Scenario da questo punto di vista idilliaco per il Paese che più di tutti ha subito la forte ingerenza del potere economico dell’UE.

Non solo belle notizie però, perché se dal punto di vista turistico e lavorativo la Grecia si risolleverebbe a farne le spese sarebbero gli investitori, molti dei quali italiani, che con il ritorno della dracma e la sua svalutazione vederebbero polverizzarsi i capitali investiti. Questo genererebbe una rapida fuga azionaria che manderebbe in tilt la borsa di Atene, causando il collasso di numerose aziende che perderebbero tutti i fondi generando nuova disoccupazione. Salita a un lato quindi e catastrofe dall’altro, dove andrà la scelta del Governo ellenico?

Grexit: quali effetti sull’Italia

Prende direttamente la parola per spiegare gli effetti negativi sull’Italia nel caso in cui la Grexit abbia luogo è direttamente il Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan che spiega che con l’uscita della Grecia, che sarebbe il primo caso di abbandono dell’euro, si genererebbe una crepa nel Sistema Economico Europeo, una sorta di vaso di Pandora che potrebbe far crollare l’intera Euro Zona. Si legittimerebbe quindi l’uscita di ogni Paese in difficoltà, vanificando tutti gli sforzi fatti fino a ora per mantenere unita l’Unione.

L’effetto sulla Borsa potrebbe poi nell’immediato essere catastrofico, facendo ritirare i numerosi investitori stranieri, quelli che detengono in pratica il potere monetario odierno. Tornando all’Italia la cosa potrebbe dal punto di vista pratico, ovvero di import-export essere meno traumatica, perché in effetti i rapporti tra i due Paesi Mediterranei sono minimi, in quanto non si esportano prodotti in Grecia se non in piccolissime quantità e viceversa. Pochissimi problemi quindi per la nostra Penisola ma tilt della borsa e crollo di numerose azioni e monete, un duro colpo per il trading.