Funghi commestibili con la lettera B: elenco completo e dettagliato

Quando si va a fare una passeggiata in montagna può capitare di scovare qualche fungo alla base degli alberi ma se non si è esperti può capitare di non capire se sia velenoso e fare l’enorme sbaglio di raccoglierlo e portare a casa un alimento tossico. Molti sono gli incidenti di questo genere e purtroppo un fungo non commestibile è facile da scambiare con uno che può essere mangiato.

Se non si vuole incorrere in intossicazioni pericolose è meglio rivolgersi ad esperti, che possono anche coltivare funghi a casa propria, oppure fare una ricerca sui libri con tanto di immagini.

Questo elenco di funghi commestibili che hanno come iniziale la lettera B dell’alfabeto potrà in parte aiutare nella ricerca.

Elenco completo e dettagliato

  • Boletus aestivalis: nome del porcino estivo, tipo di fungo con il gambo grosso e gonfio e la cupola poco più grande, la base del gambo è bianca mentre il resto è di colore marroncino chiaro molto tenue, è largo 5 cm e alto sui 10 cm circa.
    Nasce verso la fine della primavera fino alla fine dell’estate, al tatto è un po’ molle e morbido, quando lo si trova bisogna stare attenti che non ci siano buchi causati dalle larve degli insetti.
    Il sapore è dolce ed è uno dei funghi più buoni che si possono trovare.
  • Boletus aereus: nome del porcino nero, prende il nome dal colore del cappello e anche dal gambo che sembrano già inceneriti e cotti.
    Il gambo è alto sui 12 cm e largo 5 cm, mentre verso il cappello tende a restringersi.
    Molto diffuso vicino alle querce e ai castagni, nasce all’inizio dell’estate fino all’autunno, La carne è densa e compatta, l’odore, dopo la cottura, ha un profumo intenso e aromatico.
    Quando viene tagliato a fette lo si può essiccare.
  • Boletus edulis: nome del classico porcino, è quello più ricercato e mangiato quando lo si trova durante l’autunno sotto alberi di latifoglie e aghifoglie.
    Ha il gambo grosso e gonfio alla base mentre verso il cappello tende a restringersi, il colore del cappello è marrone nocciola mentre il gambo è sul bianco sporco con sfumature marroncine chiare.
    Ha un ottimo sapore dolce una volta cotto e può accompagnare sughi di carne o anche essere usato come contorno e salsa per i secondi.
  • Boletus pinophilius: nome del porcino rosso perché sul cappello ha delle tonalità marroni che sembrano rossi.
    Ha il gambo rotondo dalla base fino alla cupola anch’essa rotonda e robusta, nasce verso la fine della primavera fino  all’autunno, si può trovare sotto i pino e le querce, è molto diffuso e facile da trovare.
    Ha un buon sapore dolce e quando è crudo non è molto profumato.