Frasi tristi, depresse e malinconiche

Perché essere tristi? Ma noi facciamo anche un’altra domanda: perché essere felici? L’animo umano ha una dualità conosciuta nelle culture antichissime. La religione pagana, i vichinghi, l’antica Grecia, gli antichi Romani e le culture orientali, hanno sempre prestato attenzione a queste emozioni. La tristezza cammina di pari passo con la gioia. La depressione cammina mano nella mano con l’ottimismo. La malinconia si abbraccia con il buonumore.

Tutte immagini speculari una dell’altra che si riescono ad equilibrare facendoci vivere una vita di emozioni e sensazioni. Possiamo anche riassumere con un semplice tema filosofico. Rispondete a questa domanda: Se non ci fosse l’odio come potreste riconoscere l’amore?  Con questo non vogliamo dire che si deve essere tristi, depressi o anche malinconici. Solo che è importante vivere appieno anche i momenti “no!”. Viverli, ma non diventarne vittime. Le frasi tristi, depresse e malinconiche aprono la mente, donando una nuova visione della vita e delle speranze.

Tristi per amore

Le frasi tristi per amore sono romantiche e, alle volte, fanno notare anche quell’abisso che si ha nel cuore. Le più belle sono:

  • Tutti gli uomini delusi per amore, si sentono ingannati dalla speranza
  • L’amore è un’ombra, la vedi e non la puoi afferrare
  • Cos’è l’inferno? Non poter più amare
  • L’amore è come la Dea Medusa. Il suo sguardo di pietrifica e la sua lontananza di logora

Un’altra frase che ci ha colpito, perché si è svolto anche una ricerca psicologica su questa “atroce” verità è la seguente:

  • Un uomo piange non piange per un amore perso, piange perché sa che non amerà mai più

Apriamo una piccola “parentesi”. Gli uomini, cioè il genere maschile, nelle emozioni sono più possessivi, ma è un problema “psicologico”. Chiunque sia stato scottato realmente da sensazioni fortissime che lo hanno logorato, difficilmente tornano ad amare pienamente. Si difendono semplicemente chiudendosi in sé stessi.

Le frasi malinconiche che donano speranza

Le frasi malinconiche, che sono il preludio della depressione o di uno stato forte di una grande tristezza, spesso hanno un “sogno sottinteso”. Il loro fascino attrae e ci dona fiducia.

Ci sono poi le frasi tristi per amore, ma che donano speranza, come:

  • Piangi solo un giorno per un amore finito e sorridi sempre perché ti è successo
  • Triste è il momento di un amore ormai morto, ma da ogni cadavere nasce un fiore
  • L’amore ferisce più della morte, ma non uccide
  • Sognare la felicità non risiede nel ricordo di un amore andato via

Notate quanta potenza hanno queste frasi. Tristi, malinconiche, che possono far scendere una lacrima, ma che guardando al domani. Anzi, per essere poetici diciamo che sono come la luna che risplende nella notte più buia.

Frasi tristi sulla morte, perché conoscerle

La morte è una realtà che non viene compresa sempre.

In giovane età si teme la morte come la fine di tutti quei sogni che ci hanno fatto lottare durante i giorni, i mesi e gli anni. Il lutto di una persona cara, fa sprofondare nei sensi di colpa di tutto quello che non gli abbiamo detto quando potevamo.

In poche parole, la morte è reale, spesso si presenta in modo drammatico ed altre volte ci fa aprire gli occhi. Ecco perché, le frasi tristi sulla morte sono quelle più “vitali”, nel grande paradosso delle emozioni.

Ne citiamo alcune:

  • Non è triste morire, ma lasciare ciò che ha dato senso alla vita
  • Si pensa al tempo perso solo quando si è sul letto di morte
  • La morte è stata inventata per perdonare la vita
  • Morire senza aver vissuto ci rende fantasmi senza pace

Queste sono frasi tristi sulla morte che sono belle, ma mai quanto questa:

  • Chi sa morire, ha saputo vivere!

Per questo non aspettate domani per realizzare i vostri sogni, anche se piccoli, viveteli oggi. Le parole non dette, ditele anche se vi imbarazzano. I sorrisi risparmiati, regalateli anche a chi non se lo merita. Gli abbracci mai dati, concedeteli senza vergogna.