Forex Euro-Franco Svizzero: previsioni trading online, ribasso limitato a febbraio 2017

Forex Euro-Franco Svizzero

Quali saranno le previsioni Forex Euro-Franco Svizzero per il 2017? È immediatamente il caso di dire che si tratta di uno dei rapporti monetari più stabili, di conseguenza poco rischioso per chi ama il Forex, ma soprattutto una buona fonte redditizia nel lungo e medio periodo specialmente per chi vuole crearsi un salvadanaio che possa combattere l’inflazione.

Le previsioni 2017 dovrebbe quindi essere stabili, e il franco svizzero dovrebbe mantenere il trend del 2016, anche se ci sono possibili cambiamenti di scenario nell’euro zona, che potrebbero portare a una svalutazione massiccia dell’euro e a un innalzamento del valore dei franchi. Questo fattore di insicurezza è dato anche dal potere dell’euro sulla sterlina in virtù della Brexit, cosa che sembrerebbe mantenere l’economia britannica forte, ma che sicuramente graverà sul mercato monetario e sugli scambia UE-UK, generando probabilmente una forte oscillazione dell’euro.

Franco Svizzero: la Swiss National Bank guarda alle vicende Brexit e Trump

La Banca Nazionale svizzera Swiss National Bank osserva con molta cura le vicende legate alla Brexit e Trump continuando contemporaneamente la politica di allentamento e di tassi negativi che sta portando avanti.

Il cambio del 2016 EUR/CHF ha sfiorato a fine dicembre quota 1,12 euro, fino ad arrivare a oggi a 1,07, scendendo non poco in punti percentuali e facendo sicuramente allertare tutti gli operatori di forex. Per questa ragione gli investimenti a oggi potrebbero essere vantaggiose, anche se ultimamente tutto può succedere. La Banca svizzera ha comunque intenzione di tenere una politica espansiva, come spiegato dallo stesso governatore.

Il rialzo dei tassi delle Fed e le conseguenze sul Forex

Le stime di tre rialzi dei tassi della Fed nel 2017 sono un segnale senza dubbio positivo anche per la Svizzera, anche se si teme la politica protezionista dei nuovi Stati Uniti del presidente Trump che certamente potrebbero danneggiare non poco gli scambi di merci a livello internazionale scatenando una sorta di svalutazione a catena in tutti quei Paesi che commerciavano con gli USA.

Le previsioni nel cambio con l’euro rimangono comunque ottimiste, ed è prevista una piccola ripresa del franco che potrebbe far gola agli investitori, poiché potrebbero comprare oggi e rivendere domani a un prezzo più alto, cosa che è alla base del mercato forex, che come si sa viene basato molto dai trend e dalle politiche nazionali e internazionali che segnano svalutazioni o incrementi delle monete. IL rialzo dei tassi in Europa, nei confronti della Gran Bretagna, potrebbe comunque favorire l’economia interna e quindi far crescere il valore dell’euro, anche se nel Forex molto spesso a fare la differenza è il mercato, il quale è dettato dalla fiducia o dalla sfiducia dei trader nei confronti delle politiche economiche delle rispettive nazioni.