Emendamento Marcucci: che cosa prevede? Quali sono i suoi punti deboli?

legge

La giurisprudenza è un argomento, e anche una facoltà scolastica che può essere interessante per alcuni ragazzi che vogliono lavorare nel mondo della legge.

Bisogna anche avere un particolare riguardo per i nuovi emendamenti che vengono ogni giorno discussi e vedere gli aggiornamenti di quelli vecchi perché molti non possono più andare bene.

Mentre i nuovi viene presa una particolare attenzione per non essere subito cambiata dopo due giorni.

Oggi parleremo dell’emendamento Marcucci, che cos’è?

Che cosa prevede e quali sono i suoi punti deboli?

Che cosa prevede?

L’emendamento Marcucci è una norma che mette a le disposizioni, in materia di responsabilità per eventi dannosi che hanno trovato causa nella situazione di emergenza causata dall’emergenza sanitaria del Covid19.

L’emendamento è nuovo, infatti è formato da soli 3 punti importanti:

  1. a causa dell’emergenza sanitaria, che causa il diffondersi del Covid per via di eventi dannosi, per via di questa ragione le responsabilità civile e sanitarie delle diverse strutture sociosanitarie e sanitarie, sia pubbliche che private è limitata a causa dei diversi tipi di danni che possono avere una conseguenza con colpa grave o dolosa.
  2. Viene considerato una colpa grave quella sulla violazione dei principi basilari che disciplinano la professione sanitaria, e dei normali programmi e protocolli che sono stati creati per combattere la situazione di emergenza sanitaria.
    La valutazione dipende dalla gravità della colpa, ed in che modo è operata, sempre tenendo in particolare attenzione la situazione logistica ed organizzativa delle normali strutture sanitarie e anche bisogna tener conto del numero dei pazienti privati.
  3. Durante l’emergenza sanitaria si sono verificati molti casi di colpa grave, per questo l’art. 590-sexies del codice penale ricerca e trova la causa di questa colpa grave che viene considerata tale dove è presente una violazione ingiustificata dei principi di base che disciplinano le diverse professioni sanitarie e anche dei vari protocolli di emergenza per cercare di fronteggiare questa emergenza sanitaria.

Questo è in poche parole l’emendamento Marcucci, una legge che mette in risalto l’emergenza sanitaria in luoghi sanitari e rischia anche di far saltare le altre ddl Cirinnà.

Oggi il Senato lo sta rivedendo e rivalutando per cercare di capire come aggiustarlo meglio e renderlo più vicino e più semplice al cittadino.

Quali sono i suoi punti deboli?

Durante l’emergenza sanitaria, che ha causato la prima quarantena in tutta l’Italia, questo emendamento è stato ripreso e cambiato perché non era valido, inoltre si sono trovati molte lacune interpretative e anche dei problemi applicativi.

Ora le responsabilità che possono portare a molti danni che riescono a trovare una causa dolosa nell’emergenza sanitaria vengono limitate dalle responsabilità sul parametro temporale.

In poche parole ora tutti i vari eventi che sono successi durante la pandemia, indipendentemente dalla causa dell’emergenza sanitaria, sono considerati gravi e dolosi perché non esiste un reale controllo e l’emergenza sanitaria si ritrova in un grande rischio.