Detrazioni TASI 2017: come calcolare, novità sull’abitazione principale, regolamento

detrazioni tasi 2017

Importanti novità per quanto riguarda le tasse sulla casa, poiché ci potrà essere per determinate categorie di cittadini delle detrazioni TASI 2017, questo in virtù della Legge di Stabilità 2016, che prende in esame le spese e quindi la dichiarazione dei redditi 2017 relativa alla finanza personale del 2016, prevedendo delle agevolazioni fiscali per coloro che rispettano determinati requisiti per quanto riguarda sia la proprietà di immobili che di terreni.

Esenzioni IMU e TASI

Ad oggi, risultano essere esenti dalle tasse sulla casa IMU e TASI, le seguenti categorie di immobili o terreni:

  • IMU e TASI prima casa e pertinenze a escluse delle categorie A1, A8 e A9
  • IMU e TASI degli immobili equiparati a prima casa
  • La casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di separazione legale
  • I fabbricati rurali a uso agricolo
  • Le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari, oppure destinate a studenti universitari
  • L’unico immobile posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente a Forze armate
  • L’unico immobile posseduto dai cittadini italiani non residenti nel territorio italiano
  • I fabbricati destinati ad alloggi sociali
  • Esonerati dalla TASI anche gli inquilini in affitto che non hanno altre abitazioni che possano risultare prima casa

Con questo ultimo punto si vogliono agevolare i conduttori che purtroppo già pagano molto d’affitto e non possono certo versare altri soldi annualmente per una tassa che continua a risultare tra le più odiate dalla popolazione italiana, anche perché si tratta di una tassazione prevista solo in Italia.

Legge di stabilità 2016: Cosa cambia con la TASI

La legge di stabilità 2016 ha introdotto nuove riduzioni e agevolazioni fiscali per coloro che devono pagare la TASI, questo in virtù di una sorta di aiuto statale alle famiglie più disagiate o che concedono l’utilizzo dell’immobile ai propri figli in comodato d’uso gratuito. Riepilogando sono previste agevolazioni nei seguenti casi:

  • Riduzione del 50% della base imponibile dell’imposta per coloro che concedono ai figli un immobile in comodato gratuito
  • Riduzione del 50% della base imponibile per i proprietari di immobili inagibili, inabitali e dimore storiche
  • Riduzione del 25% sulle aliquote deliberate dal Comune per chi da in locazione un immobile con canone concordato

Queste tre agevolazioni faranno risparmiare non pochi soldi alle famiglie che in questo modo potranno avere più denaro da spendere per altre faccende di uso comune utili a un possibile rilancio dell’economia nazionale. Almeno è questa l’idea del Governo Gentiloni, che punta a rilanciare i consumi come motore di crescita economica e di conseguenza lavorativa dello Stato.