Concorsi Pubblici Assistente Giudiziario 2016: come candidarsi e inviare il curriculum

Bando ATA

Torniamo nel mondo dei concorsi pubblici per segnalare un’opportunità davvero allettante per lavorare nel Ministero della Giustizia. Si ricercano infatti le figure di assistente giudiziario, ben 800, che si occuperanno di svolgere mansioni di supporto a magistrati ed altre tipologie di lavoratori impiegati presso il Ministero. Il lato più interessante del concorso riguarda il contratto previsto per i candidati vincitori: si tratterà infatti di un impiego a tempo indeterminato, tanto raro quanto ricercato.

L’assunzione di così tanti assistenti rientra nel piano del Ministero della Giustizia , che, a causa della carenza di personale nei propri uffici mira all’inserimento di 1000 nuovi dipendenti.

Per inviare la propria candidatura ci sarà tempo fino al 22 dicembre 2016, ma vediamo come fare per partecipare.

Come candidarsi

Per inviare la propria richiesta di partecipazione sarà necessario seguire la procedura online, nella sezione ” Concorsi” del portale del Ministero della Giustizia. La registrazione avverrà tramite l’inserimento del proprio codice fiscale e indirizzo e-mail; a registrazione ultimata si riceverà una e-mail di conferma che consentirà di accedere alla compilazione. L’ultimo step consisterà nello scaricare e stampare la ricevuta, che dovrà essere esibita per accedere alle prove di esame.

Le suddette prove consisteranno in una preselezione nel caso in cui il numero di domande inviate fosse almeno 5 volte maggiore del numero di posti disponibili, 2 prove scritte ed un colloquio. Gli scritti verteranno su argomenti di diritto processuale civile e diritto processuale penale, e saranno a risposta multipla. La prova orale verterà su argomenti di diritto e cancelleria, e servirà inoltre a verificare il livello del candidato in una delle seguenti lingue straniere: inglese, francese, spagnolo, tedesco.

Il calendario delle prove d’esame verrà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 14 Febbraio 2017.

I requisiti

Per accedere al concorso bisognerà essere cittadini italiani maggiorenni, godere di diritti civili e politici , essere fisicamente idonei all’impiego e non essere stati destituiti o interdetti da impieghi nel settore pubblico. Per avere una descrizione più dettagliata nei requisiti sarà sufficiente consultare il bando di concorso, reperibile sul sito del Ministero della Giustizia.

Per ogni altra informazione il Ministero mette a disposizione una serie di contatti e-mail e telefonici per assistenza tecnica, facilmente reperibili sul portale dedicato.