Cina: Pil a +6,7 per la seconda economia mondiale

Pil Cina

Il 2016 per l’economia cinese si conclude assolutamente in positivo: ben due settori infatti, dei servizi e manifatturiero, hanno registrato un forte aumento di produttività commerciale nel mese Dicembre 2016. Lo riporta il sondaggio Markit/Caixin Media, successivamente ripreso in Cina da Xinhua: secondo i dati il settore dei servizi ha raggiunto la massima espansione proprio nell’ultimo mese del 2016, registrando il tasso più alto degli ultimi 17 mesi.

L’indice Services Purchasing Manager’s è salito a quota 53,4: un buon risultato, specialmente se confrontato con il 53,1 registrato nel mese precedente, Novembre 2016. Prima dell’ottimo risultato di Dicembre , il punteggio più alto era stato quello di Luglio del 2015 , con un 53,8. Secondo l’indice in questione i valori superiori a 50 stanno ad indicare una fase di espansione , mentre quelli inferiori indicano contrazione. L’economia cinese negli ultimi mesi ha registrato anche un aumento delle spese.

Quest’ultimo aumento ha causato un lieve rialzo dei prezzi da parte dei fornitori dei servizi , in particolar modo per ragioni legate alla concorrenza. Al massimo anche l’ottimismo riguardo il 2017: è stata registrata infatti una maggiore fiducia da parte delle aziende grazie anche e soprattutto alla fase di espansione e al mercato favorevole. Secondo l’indice Caixin China Manifacturing è salito a 51,9 nel mese di Dicembre , valore più alto registrato in oltre 47 mesi.

L’insieme dei due settori, servizi e manifatturiero, ha registrato il valore più alto degli 45 mesi, con un risultato di 53,5 nel mese di Dicembre 2016. Cresce di una buona percentuale anche in Prodotto Interno Lordo: un buon 6,7 %. La percentuale raggiunta si colloca perfettamente nel range di aspettative governative, che oscillavano tra il 6,5 e 7 %. Nel quarto trimestre la crescita dovrebbe rimanere costante: la ragione è da ricercarsi negli investimenti di capitale fisso e nelle vendite.

La grande crescita del Prodotto Interno Lordo è da attribuire perlopiù al mercato immobiliare, che ha di fatto trainato tutta l’economia. Il dato appare assolutamente positivo, oltre che per la Cina, per il mondo intero influenzato sicuramente dall’andamento della seconda economia mondiale. Negli ultimi mesi anche il tasso di investimenti pubblici è salito molto, per la precisione di circa l’11%,