Carcere Borbonico Avellino: quando è stato edificato? Qual è la sua storia?

Carcere borbonico

Il Carcere Borbonico di Avellino è un complesso monumentale che oggi ospita varie sezione del museo irpino. Un tempo fu sede di detenzione maschile.

Il museo è stato modificato e restaurato, ed oggi è aperto al pubblico un giorno a settimana. Si trova in Piazza Alfredo de Marsico ad Avellino.

Di rado è sede di concerti e di altri eventi culturali, e mantiene la sua destinazione di Museo, Archivio, Laboratorio e Biblioteca.

La storia del Carcere Borbonico

L’attuale complesso monumentale Carcere Borbonico di Avellino fu sede di detenzione maschile fino al 1987.

Il carcere fu eretto per merito di re Ferdinando I, che stanziò 60.000 ducati per sostenerne le spese per poter cominciare i progetti e la costruzione. Era il 1822.

Luigi Oberty si occupò di un primo progetto, che però fu respinto dalla commissione esaminatrice del Corpo Reale di Ingegneri, Ponti e Strade. Fu stilato, quindi, un nuovo progetto da Giuliano de Fazio, che fu subito approvato dalla commissione.

I lavori cominciarono nel 1826 e durarono circa sei anni. Si conclusero tra la fine del 1831 e l’inizio del 1832. In quello stesso anno fu trasferita la prima schiera di carcerati di genere maschile.

Secondo il progetto di Giuliano de Fazio, il complesso carcerario era separato dalla strada da un muro di un metro e mezzo, e da un profondo fossato pieno d’acqua.

Nel 1980, i detenuti furono trasferiti a causa di un terremoto che colpì disastrosamente la regione.

Nel 1987, la costruzione del carcere di Bellizzi fu ultimato, e il complesso Borbonico perse la sua funzione. La struttura fu quindi adibita alla conservazione di beni culturali.

Il complesso del Carcere Borbonico, oggi museo

La struttura è di forma esagonale, con due bracci che si dipartono in direzioni opposti dalla struttura centrale.

Oggi, in seguito ai restauri, il complesso appare piuttosto diverso: il fossato è stato ricoperto, la sede centrale è stata di conseguenza allargata, e i bracci restaurati al fine di ospitare il museo.

Qui è possibile vedere mostre temporanee, ed esposizioni permanenti, oltre che accedere all’archivio per prendere visionare beni culturali.

L’Ex carcere Borbonico è un edificio storico, mantenuto nel suo splendore.

Il museo irpino

Il Museo è composto da tre padiglioni e dal Palazzo della Cultura.

La visita comprende la Pinacoteca, il Lapidario, il Deposito visitabile, il percorso espositivo “Irpinia, Memoria, e Concentrazione”, la sezione Risorgimentale, e la sezione espositiva degli strumenti scientifici.

Al secondo piano vi è, invece, la cappella, ancora dedicata alle funzioni religiose.