Bonus Docenti 500 euro 2017: come richiedere e requisiti

bonus docenti

Il Bonus Docenti di 500 euro è un contributo, di tipo economico, inserito nella riforma dell’es Premier Renzi che prende il nome di Buona Scuola, in cui si finanzia, appunto con 500 euro, la formazione professionale degli insegnanti di ruolo, affinché questi siano preparati per poter insegnare sempre con metodi all’avanguardia. Dall’anno scolastico 2016-2017 tale Bonus non sarà più concesso in contanti bensì con un’apposita carta , ovvero la Carta Docente che deve essere richiesta attraverso una piattaforma web. Vediamo come richiederla.

Bonus Docenti: a chi spetta

Per accedere al Bonus Docenti e poter fare richiesta per l’apposita carta occorre registrarsi entro l’anno scolastico, quindi fino a luglio 2017, presso la piattaforma virtuale predisposta dal Miur, e rispettare i seguenti requisiti:

  • Essere insegnanti di ruolo
  • Essere insegnanti di scuola elementare o essere insegnanti delle scuole medie inferiori e superiori

Solo gli insegnanti di ruolo potranno quindi beneficiare dei 500 euro, rimangono quindi esclusi:

  • Docenti precari
  • Supplenti annuali
  • Insegnanti delle scuole private

Per quanto riguarda la spesa dei 500 euro questa deve esclusivamente riguardare la formazione con seminari, corsi, e materiale che possono essere ricondotti alla formazione del docente.

Come fare la richiesta per la Carta Docenti 2017

I Docenti per poter usufruire della Carta Docenti nella quale è caricato il Bonus di 500 euro, devono, una volta aver verificato i propri requisiti, registrarsi sull’apposita piattaforma e confermare la propria identità virtuale. Il primo passo che deve essere compiuto è infatti quello di richiedere il codice SPID, ovvero il Sistema Pubblico di Identità Digitale, essenziale per poter fare richiesta della carta. Per fare richiesta SPID occorre un indirizzo di posta elettronica, un numero cellulare, un documento di identità e il codice fiscale. Con questi documenti alla mano occorre fare richiesta presso i seguenti enti abilitati al rilascio del codice SPID, ovvero:

  • InfoCert
  • Poste Italiane
  • Sielte
  • TIM

Tutti i servizi, tranne quello offerto da InfoCert, sono gratuiti, anche se occorre dedicarvi un bel po di tempo, e quindi spesso si opta per la semplificazione che viene offerta da InfoCert in luogo del risparmio.

Una volta ottenuto il codice SPID il docente deve effettuare la registrazione sul sito ufficiale MIUR. Nel sito del ministero si creerà una vera e propria pagina virtuale con i dati e l’ammontare di spesa del docente, in modo che il tutto sia tenuto sotto controllo dal docente stesso. La carta verrà poi recapitata direttamente nel domicilio scelto dall’insegnante al momento della sottoscrizione. Si ricorda che la carta può essere usata solo per motivi quali la formazione del docente, ed è accettata solo nei luoghi che espongono la dicitura Carta Docente.