Banca Imi dà le linee guida per gli investimenti del 2017

Banca Imi, la banca d’investimenti italiana, ha fornito le sue stime e previsioni per il 2017, con un ottica molto positiva sul mercato azionario italiano per il prossimo anno, stimando una crescita generale del mercato intorno al 10%.

In particolare vede bene tutte quelle aziende che saranno in grado di approfittare della situazione internazionale, soprattutto la straordinaria salute dell’economia americana, puntando sull’export di qualità.

Proprio in questo contesto sono viste in rialzo soprattutto le quotazioni di Ferrari, Eni ed Fca, ma dovrebbero andare bene un po’ tutti i titoli del lusso e del Made in Italy.

Sono consigliate posizioni buy anche per le aziende esposte con il Dollaro, sia per la crescita continua ed affidabile che per le operazioni di previsione d’acquisto, come Prima Industrie, Salini Impregilo, Fila e Sesa.

Consigli di posizioni buy anche per aziende come Banca Ifis e Molmed, soprattutto per gli avviati processi di trasformazione che dovrebbero portare ad una crescita nel corso del 2017.

Previsioni bancari post sviluppi

Per quanto riguarda i titoli bancari, Banca Imi fa sapere che molto dipenderà dalla situazione politica italiana, e consiglia posizioni buy soltanto per alcuni grandi gruppi internazionali come Unicredit, Generali ed Anima holding.

Per gli altri sarà molto importante monitorare gli sviluppi delle politiche italiane, soprattutto le possibili elezioni di marzo e la formazione di un nuovo Governo.

Improbabile che la politica possa intervenire nei primi mesi dell’anno condizionando gli andamenti dei bancari, vista soprattutto la fragilità della coalizione di Governo e la precarietà del momento.