Azioni Ferrari in volo a Piazza Affari: news quotazione Borsa febbraio 2017

Ferrari

Giornata altalenante quella di ieri, 31 gennaio 2017,  a Piazza Affari dove ha brillato Ferrari. A essere colpito maggiormente è stato il comparto bancario spinto ancora dalla vicenda Unicredit. Buone le performance di Ferrari che si prepara a presentare i dati trimestrali.

Ferrari la luce in fondo al tunnel, il titolo è stato il migliore della giornata

Giornate altalenanti queste per i mercati mondiali. Le forti oscillazioni sono provocate dal clima di incertezza che spira direttamente dall’America dove gli analisti temono lo scontro tra Donald Trump e l’opinione pubblica. A tenere banco la bagarre è la stretta sull’immigrazione messa in campo dal presidente.

Clima difficile che si ripercuote anche in Europa dove le borse stentano a stare nei valori positivi. I listini del vecchio continente appaiono deboli anche a fronte del rialzo dell’inflazione a 1,7%, troppo vicino a quel 2% oltre il quale la Bce interromperebbe le politiche di Qe.

Nella giornata di ieri, infatti, Londra ha registrato un -0,27%, Parigi -0,75%, Francoforte cede l’1,25%. In casa nostra i listini di mercato perdono poco meno dell’un per cento, piazzandosi a -0,9%.

In Italia, infatti, pesano ancora le incertezze sul comparto bancario. Unicredit è ancora in attesa dell’aumento di capitale dopo la difficile giornata del 30 gennaio quando ha annunciato un rosso in bilancio di 11,8 miliardi di euro.

Sul comparto bancario, però, pesano anche le parole di Daniele Nouy, capo della vigilanza europea, che invita gli istituti bancari italiani a lavorare ancora più intensamente sui crediti deteriorati (npl).

In questo malessere generale, nella giornata di ieri, brilla il titolo Ferrari che continua nella sua ascesa sfruttando il periodo positivo.

In attesa dei dati trimestrali, il titolo sfreccia in borsa

A muovere il titolo del cavallino rosso è sicuramente il clima di ottimismo intorno alla presentazione dei dati trimestrali dell’azienda. Per Ferrari, infatti, non dovrebbero esserci dubbi, l’ultimo trimestre si chiude in positivo.

Secondo alcune voci di corridoio, infatti, si stima che Ferrari nel 2016 abbia venduto circa 8 mila automobili. Non preoccupa neanche la possibile perdita del bonus da 100 milioni di dollari riconosciuto dalla Formula 1 alla Ferrari per motivi storico-sportivi.

La Formula 1, infatti, è stata acquistata da Liberty Media per 8 miliardi di dollari e questo passaggio di consegna potrebbe far perdere a Ferrari il suo bonus. La perdita, tuttavia, potrebbe essere colmata da maggiori introiti provenienti dagli sponsor.

Niente sembra, quindi, fermare il cavallino rampante. Intanto gli occhi sono puntati sulla presentazione dei dati trimestrali di domani che, a questo punto, non dovrebbero rivelare alcuna sorpresa. Intano il titolo in borsa guadagna l’1,67%, trascinando anche Fca.

Nel medio termine il titolo Ferrari potrebbe risultare un ottimo investimento, sicuramente un titolo da tenere bene in considerazione se si vuole investire nel settore automobilistico e del lusso.