Alimenti che accelerano il metabolismo: ecco come dimagrire mangiando più spesso

Accelerare il metabolismo mangiando

Da sempre uno dei problemi più annosi per le donne – e non solo – è quello legato al peso: perché anche dopo estenuanti e restrittive diete dimagranti della durata anche di uno/due mesi in cui si mangiano porzioni ridottissime, si ritorna quasi sempre al peso iniziale o addirittura a qualche taglia in più nel giro di poco tempo?

Andiamo a scoprire il perché nelle righe successive, e parliamo di cosa, quanto e quando mangiare se si vuole ottenere un fisico in salute alimentandosi in modo corretto e appagante con i cibi giusti.

Peso ideale senza privazioni: puntate tutto sull’accelerazione metabolica

Il luogo comune legato al fatto di “mangiare meno per perdere peso” è ormai un mito sfatato: i medici e i nutrizionisti hanno infatti evidenziato, in modo particolare negli ultimi anni, che ciò che regola la quantità di calorie bruciate è l’attività metabolica, la quale va’ stimolata in modo corretto.
Ma come?

In primo luogo, è bene sapere quali sono gli alimenti più indicati al fine di stimolare il metabolismo: per quanto riguarda le bevande, il the verde, il caffè, il caffè verde e le tisane contenenti zenzero e peperoncino sono sicuramente tra le più indicate, da consumarsi anche più volte al giorno, per dare al proprio organismo una vera e propria scossa metabolica che ci permetterà di bruciare più calorie durante la giornata e di idratarci nel modo corretto.

Per quanto riguarda gli alimenti veri e propri, è bene preferire cibi ricchi di fibre e acidi grassi essenziali in quanto più sazianti, come i cereali integrali, i semi oleosi  (lino, zucca, girasole, canapa e chia), la frutta secca e le proteine magre (dai legumi alla carne bianca e al pesce azzurro).

Un altro fattore importantissimo per accelerare il metabolismo è proprio quello legato alle quantità e ai momenti in cui vanno assunti gli alimenti sopra indicati: è consigliato infatti preferire piccoli pasti distribuiti nel corso della giornata (dando più importanza alla colazione) invece di limitarsi ai soliti tre pasti.
In questo modo, ingerendo per esempio 5/6 pasti ogni 2/3 ore non solo riuscirete a mangiare più spesso sentendovi appagati e sfamati, ma eviterete le classiche “abbuffate” durante i pasti principali, che sono le prime responsabili di obesità e metabolismo lento.