Abbonamenti Treni Alta velocità 2017: Trenitalia dimezza i rincari ai prezzi dei biglietti

abbonamenti Treni Alta velocità 2017

Buone notizie per tutti i pendolari che usufruiscono giornalmente dei Treni veloci di Trenitalia, perché la società ferroviaria ha stabilito di dimezzare i rincari degli abbonamenti Treni Alta velocità 2017, cosa che aveva preoccupato non poco le migliaia e migliaia di lavoratori che sono costretti ogni giorno a muoversi in lungo e in largo per l’Italia. 

La società leader italiana del trasporto ferroviario ha infatti deciso di dimezzare gli aumenti annunciati con rimborso della differenza per coloro che hanno già acquistato l’abbonamento. Trenitalia vuole in questo modo rimanere vicina ai propri passeggeri, tutti lavoratori che hanno estremo bisogno dei treni superveloci che gli permettono di poter andare al lavoro a chilometri e chilometri di distanza e tornare a casa per cena, senza così perdere momenti preziosi con la propria famiglia.

Revisione degli abbonamenti a partire da Marzo

Il mese di Marzo sarà dunque determinante per poter usufruire delle riduzioni sugli abbonamenti annunciate da Trenitalia. I nuovi biglietti potranno essere acquistati già da metà febbraio, riducendo al 10% il rincaro che era stato preannunciato gravosissimo per i pendolari.

Trenitalia non finisce qui però, in quanto attraverso il Dottor Mazoncini ha spiegato al Senato, intervenuto dopo le proteste dei pendolari per i rincari inqualificabili, come questo sia solo il primo passo per venire incontro ai propri passeggeri, in quanto nuove soluzioni e abbonamenti sono allo studio del Consiglio d’Amministrazione dell’Ente, che per giugno dovrebbe essere in grado di offrire un servizio a costo contenuto ancora più efficiente di quello che si può vedere oggi sulla scia degli altri Paesi europei, che da anni e anni ormai fanno dei treni la propria forza trainate, sia per diminuire il caos del traffico e sia per alleggerire l’ambiente dai famigerati gas serra che a lungo andare diventano sempre più nocivi per l’atmosfera.

L’obiettivo da raggiungere rimane come sempre il Giappone, leader sul mezzo ferrato, Paese che ha fatto del treno ad alta velocità un vero e proprio simbolo che riesce a portare milioni e milioni di lavoratori ogni giorno da una parte all’altra del Paese in pochissimo tempo.

Mazzoncini promette un intervento di Trenitalia anche per il Sud

Le linea ferroviarie più disastrose sono purtroppo nel Sud Italia, cosa a cui Trenitalia, secondo il suo portavoce Mazzoncini, tiene particolarmente. La società di trasporti punta infatti a estendere l’Alta Velocità nelle maggiori città del Sud, in modo da poter offrire un servizio a 360 gradi degno se non di un Paese come il Giappone, almeno sul modello tedesco o francese. Quel che è certo comunque è che grazie all’intervento della commissione del Senato Trenitalia ha ridotto i rincari dal 35% al 10%.